Metodi di rilassamento – Chewing Calm

Le tecniche di rilassamento (training autogeno, rilassamento muscolare progressivo) sono azioni volontarie per regolare e gestire stati di ansia e stress. Questi metodi di rilassamento hanno come obiettivo quello di alleviare l’individuo dalla tensione e ristabilire il suo equilibrio psicofisiologico.

Metodi di rilassamento: alcune semplici tecniche per rilassare mente e corpo  

In Occidente solo negli ultimi decenni le tecniche di rilassamento si sono diffuse di più, il momento in cui è stata accolta maggiormente l’idea che l’organismo sia un sistema complesso costituito dall’interazione di mente e corpo. Schultz fu uno dei primi che si interessò di questi metodi di rilassamento e ne approfondì il loro funzionamento attraverso il training autogeno, uno stato psicofisico che induce rilassamento fisico e mentale. Successivamente diversi psicologi e medici hanno studiato e compreso meglio, a loro volta, l’efficacia delle tecniche di rilassamento e le hanno abbinate alle tecniche tradizionali.

Tecniche di rilassamento e ansia: quali sono le principali

Attualmente i metodi di rilassamento sono ampiamente utilizzati in varie procedure di terapia cognitivo-comportamentale. Sono infatti delle pratiche che consentono a chi le sperimenta di imparare a rilassarsi in momenti di difficoltà e come meccanismo per ridurre i livelli di attivazione durante la giornata. Le principali tecniche di rilassamento oggi utilizzate sono il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson e il training autogeno di Schultz. A che cosa servono? Sono entrambe tecniche di rilassamento per l’ansia che consentono di prevenire lo stress e tenere a bada la tensione, lavorare sulla respirazione lenta e profonda, riservare uno spazio da dedicare a se stessi e vivere esperienze positive migliorando il rapporto con sé e con gli altri contemporaneamente.

Meditazione e rilassamento profondo

Alcune persone hanno più difficoltà di altre a lasciarsi andare e ad affidarsi a metodi di rilassamento. Soprattutto le persone molto cerebrali tendono ad accumulare una grande quantità di tensioni nell’area del capo, sul volto, nel collo e nelle spalle. Può accadere che, quando si prova a meditare per la prima volta, non si riesca a stare fermo sulla sedia e i muscoli, soprattutto quelli della parte alta del corpo, si irrigidiscano. Meditazione e rilassamento profondo: che relazione c’è? Il secondo è una delle pratiche fondamentali sia dello yoga, sia della meditazione stessa. Quando si rilasciano le tensioni tuo corpo, ci si depura dalle tossine e si sprigiona energia, che fluisce più liberamente dentro di sé. Durante il rilassamento, dunque, è normale percepire sensazioni di pizzicore sulla pelle, un senso di pressione intorno al capo o senso di calore o fresco internamente. Puoi farlo sdraiandoti a terra, magari su un tappetino e con dei cuscini e una coperta per tua comodità e benessere: potresti facilmente scendere in un breve stato di sonno, ma va bene così. Fallo quando ti senti molto stanco e hai bisogno di ricaricarti.

Meditazione guidata per ansia: cosa c’è da sapere

L’ansia è uno dei maggiori problemi che affligge molte persone nella società attuale. È una condizione psicologica che limita noi stessi e riempie la nostra mente di paura e aspettativa. Imparare dei metodi di rilassamento aiuta a prevenire e contrastare gli effetti negativi di questo stato emotivo, destinato, se perdura nel tempo, a rovinare molte parti belle della nostra vita. Nei casi più gravi occorre rivolgersi a un professionista. In generale, se la situazione è ancora gestibile, potrebbe essere opportuno sperimentare la meditazione guidata per l’ansia. Di per sé la meditazione permette di aprire la propria mente e il cuore alla consapevolezza di sé e di ciò che ci circonda. Farla in forma guidata, con una voce che conduca attraverso i vari passaggi, alla presenza di un insegnante o attraverso un file audio, con musica soft in sottofondo (anche coi suoni della natura, per esempio) è utile anche per le persone più distratte e che faticano a concentrarsi, perché è come essere accompagnati per mano in ogni fase del processo. È un metodo che consente di vedere le cose sotto una luce diversa e capire le ragioni della tua ansia.

Metodi di rilassamento e Chewing Calm

Hai provato alcuni metodi di rilassamento tra quelli indicati, ma senti che ti manca ancora qualcosa? Avresti bisogno di un respiro zen istantaneo? Prova Chewing Calm. Si tratta di un integratore alimentare in chewing gum che favorisce il rilassamento e il benessere mentale. Ha una gomma base 100% naturale e biodegradabile, con formula vegana. È composta da varie componenti attive quali melissa, biancospino, mirtillo nero, teanina, biotina, gaba, vitamine del gruppo B, coenzima Q10. Il pack è biodegradabile. Lo trovi disponibile in diverse versioni: “Take it easy” (2 confezioni, 9 chewing gum), “Total relax” (4 confezioni, 9 chewing gum), “Hakuna Matata” (8 confezioni, 9 chewing gum) o, ancora, il kit Regalo Anti-stress (4 lezioni yoga + 1 tappetino + 3 confezioni Chewing Calm + 1 shopper). Clicca qui.

Lo sapevi che una delle migliori tecniche per rilassarsi è la meditazione guidata? Vuoi saperne di più? Clicca qui.

Menu