Stress e digestione – Chewing Calm

Stress e digestione: qual è la correlazione?

Stai male, hai continui disturbi psicosomatici e, in particolare, vedi che fatichi a digerire? Hai pancia gonfia, soffri di fitte addominali, meteorismo, colite? Stress e digestione: non sottovalutare questa correlazione. I ritmi di studio o di lavoro frenetici, dover sempre “correre” e magari saltare i pasti o mangiare di fretta e a orari improbabili, l’ansia da prestazione causano sicuramente un’alterazione metabolica importante, in particolare a tutto il tubo digerente. Ecco perché spesso stress e digestione sono legati: il primo fattore interferisce con la motilità gastrica e intestinale che altera i processi digestivi causando una riduzione della velocità di svuotamento gastrico e un’alterata motilità dell’intestino: dispepsia funzionale e sindrome dell’intestino irritabile. È possibile anche che aumenti il reflusso gastroesofageo.

Stress e nervosismo: gastrite nervosa

Stomaco e intestino risentono in maniera evidente e chiara dei cambiamenti del nostro stile di vita e del nostro stato psichico e sono strettamente collegati al nostro cervello. Basti vedere gli effetti dell’associazione tra ansia e digestione. Prendi un disturbo come la gastrite nervosa, che si presenta con un’infiammazione della parete interna dello stomaco, provocata dall’azione irritante e corrosiva dei succhi digestivi acidi. Gli strati cellulari che compongono la mucosa gastrica sono implicati in attività fondamentali per preservare il fisiologico benessere dello stomaco, tra cui la produzione dei succhi digestivi acidi, che intervengono nella digestione, e la secrezione del muco protettivo, che forma una barriera difensiva dagli attacchi dei contenuti acidi. Se l’equilibrio non viene preservato, come accade quando si è sottoposti all’azione dannosa dello stress e al nervosismo che ne consegue, l’elevata acidità gastrica fa danni alle pareti dello stomaco provocando i caratteristici sintomi della gastrite nervosa. Meglio correre ai ripari!

Disturbi gastrointestinali da stress: quali sono

I problemi di stomaco (cattiva digestione, nausea, bruciore di stomaco soprattutto) sono spesso conseguenza di diete poco equilibrate e di uno stile di vita poco salutare. Ma è innegabile che, in fatto di ansia e digestione, lo stress quotidiano a cui siamo sottoposti abbia un forte impatto sul nostro organismo. Lo stress può essere causa di problemi come stanchezza, irritabilità, ansia, mal di testa, digestione lenta, bruciori di stomaco, insonnia e tensioni muscolari. Può far abbassare le difese immunitarie, portando i soggetti stressati ad ammalarsi più facilmente. Questo incide ancora di più sullo stato psichico dell’individuo, creando un circolo vizioso. I problemi dell’apparato digerente sono un modo abbastanza frequente con cui il nostro cervello manifesta il suo stress. Se i disturbi gastrointestinali da stress si fanno via via più frequenti possono diventare cronici, come accade quando compaiono problemi più seri come la dispepsia funzionale e le ulcere gastriche e duodenali. Non aspettare: corri subito da uno specialista. Se invece sei ancora in tempo, cerca di prevenire in modo naturale i danni causati dallo stress.

Stress allo stomaco: sintomi e cause

Cattiva digestione, senso di pesantezza e gonfiore addominale, calo dell’appetito, accompagnato raramente da nausea e vomito, fastidioso stato di malessere generale. Possono essere questi alcuni dei sintomi legati ai disturbi gastrointestinali da stress che spesso sfociano in gastrite nervosa. A esserne colpite sono soprattutto le persone che vivono momenti particolarmente stressanti o chi soffre di ansia cronica. Ma quali sono le principali cause dello stress allo stomaco? Alcuni fattori possono collegarsi a periodi di intensa tensione a livello fisico e/o psicologico, soprattutto se prolungati, con comparsa di nervosismo, irritabilità e ansia. Sono condizioni che finiscono per stimolare eccessivamente l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, aumentano la produzione di acido da parte dello stomaco e ne riducono i meccanismi di difesa. L’acido può superare lo strato di muco che protegge la parete dello stomaco, danneggiando la mucosa protettiva e causando arrossamenti e infiammazioni.

Stress e digestione: Chewing Calm

Stai male anche dopo aver mangiato poco? Senti che anche dopo un leggero spuntino tutto ti si blocca sullo stomaco? Oltre a intervenire su stress e digestione, senti il fiato corto per l’ansia e avresti bisogno di recuperare un respiro immediato? Prova ad assumere Chewing Calm. Si tratta di un integratore alimentare in chewing gum che favorisce il rilassamento e il benessere mentale. Ha una gomma base 100% naturale e biodegradabile, con formula vegana che comprende componenti attive quali melissa, biancospino, mirtillo nero, teanina, biotina, gaba, vitamine del gruppo B, coenzima Q10. Il pack è biodegradabile. Acquistalo ora cliccando qui.

Menu