Sintomi di ansia – Chewing Calm

Quando si è particolarmente tesi e nervosi accade di avere molti fastidi fisici e psicologici che provocano un malessere diffuso. Quali sono i principali sintomi dell’ansia?

Sintomi di ansia: come riconoscerli e perché non sottovalutarli

Imparare a riconoscerli è importante per intervenire in tempo. Sul piano fisico si possono riscontrare contratture muscolari, rigidità nelle spalle e nel collo, mal di testa, mal di schiena, indigestione, tachicardia, sudorazione delle mani, difficoltà a prendere sonno, perdita di appetito, calo del desiderio, bruxismo. A livello emotivo, i principali sintomi di ansia sono la predisposizione alla prepotenza, eccessiva critica verso gli altri, impossibilità di portare a termine le cose, pianto improvviso, senso di pressione, rabbia. Ci possono essere segnali anche sul piano cognitivo, per esempio un calo di concentrazione e una memoria poco lucida e poco efficiente.

Disturbi psicosomatici da ansia: quali sono

C’è un ramo della psicologia che si occupa di analizzare la relazione tra mente e corpo ed è la psicosomatica. Questa disciplina studia la relazione esistente tra la manifestazione corporea e la componente emotiva che ne è alla base. I sintomi dell’ansia rientrano nella materia di approfondimento di questa branca. Spesso, infatti, questo genere di manifestazioni corporee possono derivare da uno stato di angoscia e di paura che proviamo a livelli prolungati. I disturbi psicosomatici si dividono in primari e secondari. I disturbi psicosomatici primari comprendono quelle disfunzioni di carattere biologico in cui un sintomo preesistente si aggrava all’improvviso (come nel caso di diabete, asma e allergia). I disturbi psicosomatici secondari sono invece quelli che derivano esclusivamente da conflitti di tipo emotivo e che possono tradursi in malattie meno gravi oppure in disturbi e, col tempo, in malattie gravi. In questo caso, infatti, il sistema nervoso autonomo rimane in uno stato di eccitazione prolungato, a volte per un tempo superiore a quello che l’organismo è in grado di sopportare. Si rischia di arrivare al burnout, ovvero a una condizione di stress cronico mal gestito con effetti altamente dannosi su corpo e mente.

Ansia cronica, sintomi: come riconoscerli

Ti svegli al mattino e senti già il peso della giornata che hai davanti? Non hai ancora messo un piede fuori dal letto e ti sembra di essere già travolto da tutto quello che devi fare? Pensi di non riuscire a portare a termine tutto quello che ti viene richiesto e ti sei prefissata/o? Prenditi qualche minuto per ascoltare il tuo corpo e la tua mente e cerca di cogliere eventuali sintomi dell’ansia e disturbi psicosomatici come quelli descritti nel paragrafo precedente. Di solito chi soffre di stati ansiosi prolungati entra in allarme al primo malessere fisico e teme di avere qualche grave malattia. Se ti ritrovi in questa descrizione, ecco in che cosa consistono l’ansia cronica e i suoi sintomi. Tendi a rimuginare in continuazione e a fare pensieri negativi? Le sfide del quotidiano sono amplificate e drammatizzate? Vivi in perenne ansia da prestazione? Ingigantisci qualsiasi errore o problema? Fai attenzione: lo stato continuo di angoscia e preoccupazione potrebbe sfociare in attacchi di panico e sindrome di burnout legata anche a un sovraccarico di stress. Corri ai ripari in tempo. Contatta un medico e intervieni con rimedi immediati, sicuri ed efficaci, come integratori naturali come Chewing Calm. Vuoi saperne di più sui sintomi dell’ansia cronica? Fai un clic qui.

Sintomi fisici dell’ansia: i principali

Mente e corpo sono due sfere tutt’altro che separate tra di loro, anzi, sono strettamente interconnesse, come dimostrano anche i sintomi dell’ansia. I disturbi psicosomatici, spesso provocati da ansia e stress, necessitano della dovuta considerazione, la stessa che si riserva, giustamente, a tutte le altre problematiche che interessano la salute. Occorre intervenire subito se si avvertono sintomi fisici dell’ansia quali tremore, tensione muscolare e articolare, battito del cuore accelerato, affanno, insonnia o sonno agitato, senso di costrizione al torace, mal di testa, mal di stomaco e disturbi connessi alla digestione, stanchezza cronica e spossatezza. Vuoi saperne di più sui sintomi fisici dell’ansia? Clicca qui.

Sintomi dell’ansia e Chewing Calm

Hai sperimentato diverse tecniche. Ma non hai ancora capito esattamente come fare i sintomi dell’ansia, soprattutto nel breve periodo. Avresti bisogno di recuperare un respiro immediato? Prova ad assumere Chewing Calm. Si tratta di un integratore alimentare in chewing gum che favorisce il rilassamento e il benessere mentale. Ha una gomma base 100% naturale e biodegradabile, con formula vegana. È composta da varie componenti attive quali melissa, biancospino, mirtillo nero, teanina, biotina, gaba, vitamine del gruppo B, coenzima Q10. Il pack è biodegradabile. Lo trovi disponibile in diverse versioni: “Take it easy” (2 confezioni, 9 chewing gum), “Total relax” (4 confezioni, 9 chewing gum), “Hakuna Matata” (8 confezioni, 9 chewing gum) o, ancora, il kit Regalo Anti-stress (4 lezioni yoga + 1 tappetino + 3 confezioni Chewing Calm + 1 shopper). Acquista ora Chewing Calm cliccando qui.

Menu